Passa ai contenuti principali

Tortano da non confondere con il Casatiello


 Il Tortano “ da non confondere con il Casatiello” fatto con una pasta molto incordata, quasi stopposa, priva di prosciutto o salame, quello veniva riservato alla “Pizza Chiena”. 


 Ingredienti: 

  •  Farina tipo 500g quella blu della Molino Caputo è perfetta 

  • 150g di criscito o 15g di lievito di birra fresco 

  • 100 di strutto “sugna” “zogna” più quello per la sfoglia 

  • Pepe nero 

  • Finocchietti selvatici (chi è delle zone del casertano li acquista durante le gite al Matese, si possono omettere) 

  • Sale q.b. 

  • Due cucchiaini di sale 

  • Acqua tiepida 250g (impasto non deve essere né duro né molle ma elastico) 

  • 200 g di cicole

 Procedimento:

 Sciogliere il criscito in 150g di acqua tiepida (se non si riesce a reperire sostituire con il lievito di birra fresco), aggiungere 150 g di farina. 

 Impastare e far lievitare fino al raddoppio. 

Sciogliere il lievitino nel resto dell’acqua e aggiungere il resto della farina un po’ alla volta controllando la consistenza, infine incorporare la sugna, il sale, il pepe e i finocchietti.

 Far lievitare fino al raddoppio, stendere una sfoglia sottilissima, ungerla con abbondante strutto, distribuire le cicole e avvolgere in un rotolo stretto stretto. Il rotolo va torto come una fune, da qui il nome tortano, così fatto va sistemato in un tegame in alluminio con il buco centrale, far lievitare nuovamente e infornare a 180° C fino a doratura. Linterno deve essere stopposo quasi “cordonato”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …